STRESA


APPARTAMENTI, VILLE & CASE IN STRESA
( Cerca )


Stresa, anticamente chiamata “Strixia” nome di derivazione longobarda che significa “Striscia di Terra” e oggi considerata “La perla del lago”, è sicuramente una delle città più eleganti e raffinata del Lago Maggiore.
Da sempre all’avanguardia, Stresa iniziò ad aprirsi al turismo grazie alla realizzazione del traforo del Sempione, voluto da Napoleone per collegare la città di Milano con le zone d’Oltralpe, alla costruzione della ferrovia e ai battelli a vapore che facilitavano la comunicazione con la Svizzera. 
A cavallo tra il XIX e XX secolo Stresa fu frequentatissima dalle famiglie aristocratiche che vi trascorrevano le vacanze e lunghi periodi di riposo, incantate dalle bellezze naturali e dai paesaggi suggestivi.
Quando si guarda Stresa dal lago ancora oggi ciò che colpisce sono sicuramente le imponenti ville signorili circondate da magnifici giardini.
Da sempre all’avanguardia, Stresa iniziò ad aprirsi al turismo grazie alla realizzazione del traforo del Sempione, voluto da Napoleone per collegare la città di Milano con le zone d’Oltralpe, alla costruzione della ferrovia e ai battelli a vapore che facilitavano la comunicazione con la Svizzera. A cavallo tra il XIX e XX secolo Stresa fu frequentatissima dalle famiglie aristocratiche che vi trascorrevano le vacanze e lunghi periodi di riposo, incantate dalle bellezze naturali e dai paesaggi suggestivi. Quando si guarda Stresa dal lago ancora oggi ciò che colpisce sono sicuramente le imponenti ville signorili circondate da magnifici giardini.
Viuzza nella centro storico di Stresa, Lago Maggiore
Il mix di stili, dal neoclassico, al barocco, al liberty affascina per la maestosità e ricchezza che le circonda, chiaro ricordo dei periodi della Bella Époque, quando Stresa era frequentata nei mesi di villeggiatura dalla nobiltà e dai protagonisti della finanza internazionale.
Furono molti gli artisti e gli scrittori che decantarono le bellezze di Stresa e di questa parte di lago. Tra Dostoevskij, Thomas Mann, Hemingway, D’Annunzio, ricordiamo Stendhal che, ammaliato dalla bellezza del panorama, dalla grande quiete e dalla mondanità vi scrisse “La Certosa di Parma”.

“Se hai un cuore e una camicia, vendi la camicia e vai a vedere le rive del lago Maggiore” scrisse Stendhal.

Dal punto di vista geografico Stresa appartiene alla provincia del Verbano Cusio Ossola ed è divisa in quattro parti. Quella costiera, con il nucleo storico di Stresa e la frazione di Carciano, la parte insulare con l’Isola Madre, l’Isola Bella e l’Isola dei Pescatori, la parte collinare con una serie di frazioni tra cui Levo, Binda, Campino, Passera, Vedasco e Brisino, e la parte montana, conosciuta per la famosa stazione sciistica del Mottarone, per i numerosi alpeggi e per il Giardino Botanico Alpinia, a cui si accede tramite una funivia.
Stresa è famosa per il lungolago che porta al Lido e per i suoi numerosi giardini che in primavera si riempiono di azalee e rododendri. Meta preferita da molti turisti è il Parco di Villa Pallavicino, un giardino all’inglese con una stupefacente vista sul lago, famoso per la straordinaria varietà di piante e animali in libertà.

Lungolago di Stresa, vista alla isola Bella, Lago MaggioreVanto della città di Stresa è sicuramente la Villa Ducale costruita dalla famiglia Bolongaro intorno al 1770. Dal 1850 al 1855 divenne dimora del filosofo Antonio Rosmini, uno dei maggiori pensatori italiani dell'800, presso il quale furono ospitate le maggiori personalità del Risorgimento italiano. Dal 1966 la Villa è sede del Centro Internazionale di Studi Rosminiani e vanta una grande biblioteca con rare edizioni e una raccolta di reliquie della vita e delle opere del filosofo.

Dal Lido di Stresa, in pochi minuti di battello, si possono raggiungere le Isole Borromee
Per i più golosi da non perdere sono sicuramente “Le Margheritine”, i dolcetti tipici di Stresa, ideate nel 1857 dal pasticcere Piero Antonio Bolongaro come omaggio alla principessa Margherita di Savoia, futura prima regina d'Italia, mentre si trovava in villeggiatura nella Villa Ducale di Stresa.
Per gli amanti della musica classica ogni anno hanno luogo tra fine agosto e metà settembre Le Settimane Musicali di Stresa e del Lago Maggiore.

Fra le località coinvolte spicca il suggestivo Eremo di Santa Caterina del Sasso, dove ogni anno, per il prologo del Festival, vengono eseguite le Suite per violoncello di Bach. Sedi dei concerti sono anche l'Auditorium "La Fabbrica" di Villadossola, il Castello Visconteo di Vogogna, la Rocca Borromeo di Angera, Villa Ponti ad Arona, Villa San Remigio e la Chiesa Madonna di Campagna a Verbania, la Chiesa Vecchia di Belgirate e la Basilica di San Giulio a Orta.

APPARTAMENTI, VILLE & CASE IN STRESA
( Cerca )